- Majora's Mask -

Racconto di Deku Link

- Capitolo 1: Alexandria, strane visioni -

Un bambino, probabilmente di dieci anni, vestito con una tunica verde ed un cappello anch'esso verde ricadente sulle spalle, dagli occhi azzurri, i capelli biondi e le orecchie a punta, si trovava davanti ad un portone di pietra, poco lontano da lui una vetrina con all'interno uno smeraldo, un rubino e uno zaffiro. Il ragazzo prese dalla cintura un'ocarina azzurra e cominciò a suonare una melodia. Era un po' lento nello svolgimento del brano, come se lo eseguisse per la prima volta. Poi la eseguì alla perfezione, ed il portone, come avesse sentito, si aprì, rivelando una sala circolare con al centro una spada dall'elsa viola, poi dal cappello del ragazzo uscì una sfera di luce con delle ali da libellula.

Sfera: Link, quella è la spada leggendaria... la Master Sword!

Il ragazzo, che probabilmente si chiamava Link, annuì alla sfera con un cenno del capo e tolse la spada dal piedistallo.

Buio.

Link, cresciuto, combatteva contro un facocero gigantesco, la Master Sword conficcata nel terreno ed in sostituzione un immenso spadone a due mani. Link si avvicinò alla spada sacra, la prese e colpì il facocero con tutta la sua forza.

Gidan si svegliò di soprassalto.

Gidan: L'ho sognato ancora...

Gidan si vestì con i suoi soliti abiti e scese nel molo del battello per il borgo. Gidan veniva spesso lì per pensare da quando le visioni di Link lo tormentavano. Era mattina presto, un vento gelido sferzava e sembrava che il sole non volesse sorgere.

Era passato un mese da quando avevano sconfitto Trivia, ed ormai tutti erano tornati alla vita abituale: lui viveva al castello di Alexandria assieme a Garnet, si sarebbero già sposati ma sedici anni sono pochi per sposarsi, Steiner era ancora comandante della squadra Plutò, ma non si fidava ancora di Gidan ed ogni notte veniva di soppiatto a controllare che Gidan e Garnet non stessero facendo qualcosa di... sorvoliamo, Vivi era andato a vivere al villaggio dei maghi neri, Eiko era stata adottata da Cid e Hilda, Quina viaggiava per il mondo per rendere ancora più completa la sua conoscenza di ogni specialità di Gaya (sebbene la stessa avesse ammesso un mese prima che il suo ricettario era completo), Freija viveva a Burmesia assieme a Flatrey, e Amarant... nessuno sa dove sia finito: lui è una persona riservata!

Gidan: L'ho sognato ancora,è la settima volta... cosa vuole da me? Perchè mi tormenta con queste visioni?

Delle parole, come portate dal vento, gli sussurrarono:

... lui non ti tormenta... chiede un aiuto...

Gidan riconobbe la voce. Sebbene il tono fosse cambiato, quasi etereo, non poteva dimenticare a chi appartenesse: colui che, a Tera, aveva rappresentato il suo peggior nemico. Si girò e vide la persona che intuiva.

Gidan: Garland...

Garland: Mi aspettavo delle reazioni del tipo "COSA CI FAI ANCORA IN VITA!?" o cose simili, si vede che la tua anima è meno prevedibile di quanto credessi.

Gidan: Beh... con quel colorito trasparente non penso qualcuno ti scambierebbe per un vivo!

Gidan cercava di buttarla sullo scherzo, ma subito si fece serio.

Gidan: Cosa vuoi da me?

Garland: Niente, solo che il mio vecchio esperimento è sfuggito al mio controllo.

Gidan: Non capisco di cosa tu stia parlando.

Garland: Non devi capirlo ora, a tempo debito tutto ti sarà chiaro. Il riflesso dei dati da me digitati tempo addietro sta superando la massa critica, e come un mese fa rischierà il collasso, ma stavolta niente lo salverà!

Gidan: Io continuo a non capire, ma devi spiegarmi una cosa: perché hai detto che sta cercando aiuto?

Garland: Non è lui a cercare aiuto. O meglio, non lo cerca, ma è lui che chiede aiuto senza saperlo.

Gidan: Perchè parli solo per enigmi!? Almeno su Tera eri comprensibile!

Garland: Parlo per enigmi perchè non mi è consentito rivelarti troppo. La procedura di Hyrule, la fase che sta attraversando, assieme al riflesso dei suoi dati sta continuando ad assorbire energia, tramite la Maschera... e i suoi dati diventano realtà, a discapito di Gaya...

Gidan: COS'HAI DETTO SU GAYA!?

Garland: Semplice: Gaya è destinata a sparire, fagocitata da un mondo inesistente. Tutto per colpa della Maschera... lei ha rinchiuso i quattro Custodi, gli unici in grado di fermarla, in altrettante maschere. Ma ciò è già avvenuto... solo che l'Eroe del Tempo era intervenuto. Se non interverrà anche stavolta, Gaya non avrà speranze.

Gidan: Ho seguito fino a "Maschera"... MA ORA TU MI SPIEGHERAI COME SALVARE GAYA!

Garland: La prossima visione sarà l'ultima, e sappi che solo assieme all'Eroe del Tempo avrai la possibilità di salvare Gaya. Ora devo andare.

Gidan prese la sua bilama azzurra, l'Ultima Weapon.

Gidan: NON ANDARTENE BASTARDO! DIMMI DOVE SI TROVA L'EROE DEL TEMPO!

Gidan si scagliò lama in pugno contro Garland, ma lo attraversò.

Gidan: Cos...

Garland: Gidan,hai dimenticato che il mio corpo è morto su Tera, ma la mia anima è immortale e svincolata dall'Oltretomba?

Garland allora aprì un varco nell'aria e sparì, lasciando Gidan con mille domande per la testa.

Link da bambino attraversa una foresta, in groppa ad un puledro rosso. Da lontano due sfere luminose alate di colore una nera ed una bianca lo osservano, si scambiano un cenno di intesa e spaventano il puledro, facendo cadere Link.

Una maschera compare per aria, ed in seguito compare il corpo, vestito con delle stoffe simili a foglie ed un cappello anch'esso dello stesso materiale, di colore giallo e arancione. Il misterioso essere alza la maschera per osservare e dice:

Essere: brave Tael e Tatl!

L'essere si avvicina a Link e comincia a frugargli l'abito, e dopo un pò trova un'ocarina azzurra.

Essere: Ma guarda che bella Ocarina!

L'essere comincia a suonare l'Ocarina, ridendo dopo ogni nota. Link si sveglia, vede l'essere e questo nasconde dietro alla schiena l'Ocarina. Link allora cerca di afferrarlo, ma lui salta in groppa al cavallo, facendolo correre. Link riesce ad afferrarsi ad una zampa del cavallo.

Dentro una caverna Link si trova sopra ad un fiore, davanti a lui l'essere levita con accanto le due sfere di luce.

Essere: Stupido... pensi di poter vincere contro di me? Mi sono stancato di vedere la tua faccia!

La maschera comincia ad oscillare.

Sul fiore Link non c'è più, al suo posto si trova un essere dal corpo di legno, gli occhi giallo-arancioni tristi ed i capelli biondi. Indossa un paio di guanti e delle scarpe marroni, un gonnellino verde ed un grande cappello verde flesso verso il basso. L'essere sul fiore si guarda riflesso nell'acqua e si tiene la testa scuotendola e urlando. Nel frattempo l'essere mascherato ride.

Essere mascherato: Ah ah ah ah! Che divertente! Resta per sempre qui con questo aspetto!

Link trasformato sta attraversando un varco contorto.

Link trasformato si ritrova all'interno di un edificio sconosciuto, davanti a lui un uomo con una grande sacca sulla schiena.

Uomo: Ti faccio una proposta: trovami la mia preziosa maschera ed io ti insegnerò una melodia per tornare normale.

Link trasformato si ritrova sopra una torre, è notte ed accanto a lui c'è la sfera bianca, in cielo l'essere mascherato e vicino a questo c'è la sfera nera. Link spara una bolla, colpendo l'essere mascherato e facendogli cadere l'Ocarina.

Link raccoglie l'Ocarina, la vuole usare ma si trasforma in delle trombe che escono dalla sua schiena!

Sfera bianca: SEI CAPACE DI SUONARE QUESTO STRUMENTO!?

Link trasformato suona una melodia davanti all'uomo con la sacca, c'è un'esplosione di luce ed una maschera con tre piccole foglie, una faccia legnosa ed occhi gialli-arancioni tristi. Link è tornato normale.

L'uomo è esasperato.

Uomo: Quella maschera... la Maschera di Majora...

Link si trova davanti ad un fantasma.

Fantasma: Io sono Darmani dei Goron.

Link suona la melodia imparata dall'uomo, e Darmani si trasforma in una maschera di forma triangolare gialla, dallo sguardo bonario.

Link si ritrova davanti ad un uomo-pesce pieno di ferite.

Uomo-pesce: Io sono Mikau degli Zora.

Link suona la melodia imparata dall'uomo, e Mikau si trasforma in una maschera azzurra dallo sguardo tagliente.

Link si ritrova nuovamente sulla torre, con davanti l'essere mascherato. Allora Link prende l'Ocarina e suona una melodia nuova.

La Luna sta precipitando sopra la torre, ma quattro giganti di colore rosso vengono dai quattro punti cardinali e fermano la luna.

La maschera si stacca dall'essere e vola verso la luna, e Link la segue.

Link si ritrova davanti ad un albero, quattro bambini danzano attorno all'albero, mentre uno, quello davanti a Link, sta seduto. Questo indossa la Maschera, e porge a Link una maschera.

Majora: Questa è la Maschera dell'Oni. Che bello! Ora che hai quella maschera sarà più divertente giocare con te!

Link si ritrova in una stanza variopinta, mentre la sfera bianca dice:

Sfera bianca: Questo è l'interno della Luna, il mondo spirituale di Majora.

Link ha davanti a sé la Maschera di Majora.

Link indossa la Maschera dell'Oni e si trasforma in un adulto con un armatura giallo pallido e blu scuro, il gonnelino ed il cappello di colore azzurro anzicche verde, e gli occhi senza pupille.

Oni-Link punta la sua spada formata da due lame intrecciate contro la maschera, e la spada lancia un raggio che ferisce gravemente la Maschera.

Alla Maschera di Majora spuntano braccia e gambe. Oni-Link lancia un altro raggio e la Maschera viene di nuovo ferita gravemente.

Alla Maschera di Majora spunta una testa e delle fruste. Oni-Link lancia un altro raggio e la Maschera viene sconfitta.

Link parte in sella al puledro, in una prateria.

???: GIDAN! GIDAN!

Gidan si svegliò con quell'urlo. Si trovava ancora al molo, ma intanto si era fatta sera. A lanciare l'urlo era stata Garnet, in quel momento in lacrime.

Garnet: Gidan,cosa ti è successo? Non ti muovevi più... credevo fossi...

Gidan abbracciò Garnet.

Gidan: Non preoccuparti Garnet, io sono vivo.

Gidan sciolse l'abbraccio.

Gidan: Ma Gaya è di nuovo in pericolo.