- Majora's Mask -

Racconto di Deku Link

- Capitolo 3: Alexandria, decisioni -

Gidan misurava a grandi passi la sala del trono, e Garnet lo fissava un pò arrabbiata.

Garnet: Gidan mi vuoi spiegare cosa intendevi quando mi hai detto che Gaya è di nuovo in pericolo? Non abbiamo ricevuto nessuna informazione su guerre e distruzioni in tutto il mese!

Gidan: Me l'ha detto Garland.

Garnet rimase impietrita.

Garnet: QUEL PAZZO È ANCORA VIVO!? È IMPOSSIBILE, KUJA HA DISTRUTTO TERA! È IMPOSSIBILE CHE SIA SOPRAVVISSUTO!!!

Gidan: No... quando eravamo su Tera mi ha detto che era immortale... il suo corpo si è distrutto, ma la sua anima no. È stata lei ad avvertirmi del pericolo.

Garnet: E... sai in che cosa consiste questa minaccia?

Gidan: Da quel che ho capito c'entra una Maschera... ed il nemico è un vecchio esperimento di Garland, controllato da questa Maschera. A quanto pare sta lentamente divorando Gaya, o meglio i suoi dati.

Garland: Esatto.

Il fantasma era apparso nel mezzo della sala del trono, Garnet completamente immobile.

Gidan: COME MAI SEI QUI!? NON DICEVI CHE NON POTEVI RIVELARMI NULLA SULLA MASCHERA!? E COSA È SUCCESSO A GARNET!?

Garland: Calmo Gidan, ho solamente usato uno Stopga su tutta Alexandria. Non credo che a Garnet sarebbe piaciuto rivedermi, dopo la "questionuccia" di Madain Sari...

Gidan: QUESTIONUCCIA!? TU HAI DISTRUTTO MADAIN SARI, HAI UCCISO TUTTI GLI SCIAMANI E LA CHIAMI QUESTIONUCCIA!?

Garland: Comunque non sono qui per Madain Sari. Ti volevo solo rendere più facile il "gioco". L'Eroe del Tempo sarà presto qui, chiama tutto il tuo "gruppo" di "eroi" ed assieme a loro dirigetevi verso la Foresta del Male. Sarà la prima tappa del vostro viaggio...

Garland svanì.

Gidan: NO ASPETTA!!!

Garnet: Aspetta cosa?

Gidan si accorse solo allora che il tempo era tornato a scorrere.

Gidan: Garnet, dobbiamo riunire il gruppo ed andare alla Foresta del Male.

Garnet: Per quale motivo?

Gidan: Intuito...

Nel frattempo, ai piedi della montagna dove sorge il castello di Alexandria era arrivato il ragazzo chiamato Link. Imbracciava una spada molto corta ed uno scudo con incisa un'aquila rossa su sfondo azzurro, disegnata tramite linee continue e geometriche. Un globo di luce azzurra attirò l'attenzione del ragazzo.

Link: !?!... Non sarà mica...

Link si avvicino al cespuglio e vide una cosa che lo fece piangere di gioia. L'unico motivo per cui aveva viaggiato in tutti quei mesi.

Link: Navi.