- Il vero aspetto -

Racconto di Crimsontriforce

Da molto tempo Malon si chiedeva che segreti nascondesse Sheik dietro la sua apparente, distaccata perfezione, ma non avrebbe mai pensato di poterli scoprire in modo così brusco e diretto: in preda alla stanchezza, e confidando nella sua amicizia e discrezione, l'oggetto delle sue speculazioni aveva infatti iniziato a svestirsi proprio sotto i suoi occhi.
Iniziò dagli stivali, lentamente, assaporando il piacere di tornare ad essere se stessi; poi Malon dovette trattenere il respiro quando Sheik si tolse il turbante e sotto di esso rivelò una cascata di capelli dorati, con due ciuffi elegantemente trattenuti in avanti dalle orecchie a punta. Via via che con mano esperta si srotolava le bende dal petto si delineavano sotto la maglietta delle forme distintamente femminili e, poco dopo, anche i muscoli ben torniti non si rivelarono essere altro che un artificio. Svanita anche la tinta esotica che aveva scurito il suo volto, da ultimo, in un istante, anche gli occhi tornarono del loro naturale colore azzurro intenso.

Quando Link entrò nella piccola stanza restò impietrito.

"No, dico, brava! Hanno annunciato adesso che abbiamo vinto come miglior gruppo – a Romics! – e tu ti presenti con mezzo costume sfatto?"
"Ma è scomodo...", piagnucolò la cosplayer.