- My Tingle RPG -

Racconto di Pepogarross

- THE RISING OF THE CLOWNISH WIZARD -

Della storia del Mago Pagliaccioso se ne sono dette di ogni colore ma nessuno ha mai raccontato il perché un ragazzo può arrivare a tanto. Già a 2 anni il ragazzino dimostrava di intendersi di pubblicità e di marchi. Un giorno prese un elenco telefonico e si mise a leggerlo con molta attenzione. Qualche volta emetteva un gorgheggio e altre volte diceva "Brum Brum". La madre Maga pensò che il figliolo fosse un menomato mentale. Ma da che mondo è mondo le apparenze ingannano enormente, infatti il piccolo Magician non voleva dire che l'elenco telefonico era un'automobile bensì che sull'elenco c'erano delle figurine pubblicitarie delle concessionarie automobilistiche. Il bambino era dotato di una memoria fuori dal normale. Già a 3 anni riconosceva le pubblicità dalla musichetta. Il Magician crebbe forte e teledipendente. A soli 13 anni partecipò a "Chi vuol esser Pluricentenario?" e ovviamente vinse l'elisir di lunga vita. The Little Dark Magician (questo era il suo vero nome) aveva imparato in quattro e quattr'otto tutte le formule dell'enciclopedia di Arti Magiche della Malfoy & co.
Il Magician 16enne era un vero contestatore. Fischiava ai professori, rispondeva male ai genitori ed era profondamente innamorato di una sua compagna di classe che non faceva altro che illuderlo. Voi pensate veramente che il nostro amico sia diventato malvagio per aver sofferto le pene d'amore? Vorrei tanto dirvi che non è vero... Ormai avete capito che tutti i personaggi della storia sono fortemente autobiografici e perciò la risposta mi sembra scontata. La sgualdrina lo ha fatto diventare cinico e spietato. Gaspar il nero (il vero nome del frutto incestuoso) non sopportava assolutamente che lo si trattasse come uno Zerbino e perciò il nostro affezionatissimo decise di fuggire verso terre lontante per imparare la Magia Nera. Durante il suo lungo peregrinare imparò come si può diventar Dittatori potenti e temibili. Frequentò la facoltà di "Scienze Dittatoriali"... Ecco a voi un piccolo assaggino...
Regola 1: Non importa il messaggio che vuoi mandare al popolo, l'importante è che il popolo ti sia sempre fedele.
Regola 2: Per assicurarti che i capr... Ehm, che il popolo ti sia fedele devi dimostrar loro di essere molto potente.
Regola 3: La potenza viene generalmente associata alla forza militare. Se non si hanno a disposizione le forze armate si può sempre ricorrere alla Magia Nera...

"Magia Nera, ha proprio detto Magia Nera? Oh Sommo ACHBYR ( maestro/a di arti misteriose ai mortali)?" "Ho detto Magia Nera, hai forse perso il segno? Mi sembrava che avessi scritto molto bene il decalogo." "Io ho letto benissimo ma.." "MAH?" "Beh, insomma io avevo tutti 10 in Magia Nera. Ho fatto pure il First Certificate al livello 12 di Magia Nera e ho preso B+" "Mi dispiace. Se avesse preso una A tonda tonda l'avrei sicuramente esonerata da questa lezione." "Perché mi avrebbe esonerato. Non faremo mica della Magia Nera." "Secondo lei un dittatore che si rispetti potrebbe mai non praticare delle Arti Oscure?" "Va bene professore, Seguirò anch'io questo corso." "Si ricordi che siamo all'Università. Non mi fido molto dei professori del suo Liceo" "Ho recepito il messaggio, Sommo ACHBYR" "Se è interessato sto cercando degli aiutanti per allestire una mostra di Magia al nostro polo distaccato di Verneliamsis." "Va bene, Sommo ACHBYR".

Il nostro buon Gaspar si era arruffianato in un modo o nell'altro l'avvenente ACHBYR del corso di laurea. Come tutti voi sapete ACHBYR può essere sia maschio che femmina. In questo caso era una bellissima ragazza prodigio, la quale si era laureata in fretta e alla bellezza di soli 27 anni era già diventata un ACHBYR associato alla facoltà di "Scienze Dittatoriali" presso la struttura CampusHorgorias. Il campus era la formula migliore per un giovane universitario che non ha voglia di perdersi in quel marasma dell'Ateneo Volkoriano. L'università di Volkoria era piena di corsi di laurea ed era affollatissima. Burocraticamente disorganizzati e non solo... Gaspar rimaneva comunque uno studente volkoriano ma era un privilegiato anche se pagava delle tasse interne che rendevano la struttura che lo ospitava una sorta di Università privata nella sostanza. Gaspar aveva già perso un anno all' Università ed era CONVINTO CHE IL Campus fosse la sua grande opportunità. Conobbe molte persone intelligenti e stuzzicanti. Tra le persone da ricordare non può mancare il buon vecchio Fiodor. Fiodor non è stato solamente un compagno di banco, questo personaggio ha fatto fare un salto di qualità a Gaspar. Riuscirono ad accedere al secondo anno con il massimo dei cfu e non solo... Crearono pure un'associazione all'interno della piccola struttura del Campus.

Dopo molti anni Gaspar ebbe l'occasione che bramava da una vita... Gaspar fu chiamato da un Re goffo ed impacciato per diventare il suo governatore. Gaspar diventò titolare a tutti gli effetti del potere temporale del paese. Dopo nemmeno un mese di reggenza Gaspar si proclamò il Monarca assoluto del regno alle falde del monte Soja. I sudditi erano orgogliosissim della faccenda perché avevano molto a cuore la politica estera aggressiva condotta da Gaspar. Il Gaspar si stava espandendo a macchia d'olio su tutto il semicontinente del Levante. Il futuro Mago Pagliaccioso amava molto essere denominato "Gaspar il conquistatore". In pochi anni riuscì a spremere le colonie nella maniera più assoulta. Nemmeno Filippo II di Spagna avrebbe potuto fare di meglio. Gaspar aveva un debole per il re spagnolo. Reputava la sua lotta contro i protestanti una cosa decisamente romantica. Gaspar non voleva imporre, però, una religione comune... Ma una lingua comune.

La lingua non era molto difficile da imparare anche se prevedeva una miriade di parole e la pronuncia era molto irregolare. La grammatica e la sintassi erano molto più facili della lingua Sojana.
Un giorno Gaspar si svegliò ed inizio a parlare quella lingua come se l'avesse parlata da tempo.. "I have a dream... Oh gosh, am I really speaking in this language? I don't believe it? Well... Today I'll probably teach this language to my empire..."... Nel mentre che stava scendendo dal letto con questa lingua nuova... Gaspar cade rovinosamente contro l'armadio dove teneva le sue pozioni... Queste pozioni fecero reazione e trasformarono il suo bellissimo viso in quello di un pagliaccio... "Damned... Oh, my face... My pretty face... What shall I do? What shall I do? Let me see... Where is my mirror? My precious mirror... I'm totally blind... Help me... Zingler, Where are you?"... Gaspar era diventato cieco e nessuno lo poteva aiutare perché parlava una lingua sconosciuta ai suoi sudditi. Dopo un'ora di totale agonia Gaspar si ricordò la formula magica per rialzarsi da terra... "Vingardium Alzami un instante che sono a terra Leviosa" e magicamente il mago si rialzo levitando per aria... Da quel giorno nessuno ha mai visto il mago poggiare i piedi per terra. Le sue puma speed cat non avevano la suola consumata come quelle dei suoi soldati.

Il tempo passò per tutti ed il mago diventò più forte ma anche più cattivo. Il suo obiettivo principe era la conquista delle terre allora conosciute. Il Mago non si limitava a conquistare solamente. Lui voleva costringere i popoli annessi a parlare la Lingua INGLESE... Quando le tribù della Alassonia minore sentirono il suono di quella lingua si suicidarono... Il Mago era contentissimo. L'Alassonia era infatti una zona ricca di Vetrolio... Non sapete cosa è il Vetrolio? Con il Vetrolio si può fare tutto... Il Vetrolio non è solamente un combustibile ma anche un commestibile. "Spaghetti al Vetrolio, prego." Chi era quella donna che ordinò molto fugacemente quella pietanza... Nessuno sapeva il suo nome, ma poco importava visto che aveva dormito nei letti dei più potenti. La ragazza voleva formarsi in un modo particolare: Nel taccuino si appuntava tutte le persone che contavano qualcosa sulla faccia delle Terre... A pagina 6 del suo blocchetto comparve il nome de "IL MAGO PAGLIACCIOSO". La ragazza era lì per lui e lui lo sapeva già. Sennò che Mago era?
Il mago era molto affascinato dall'idea di incontrare questa giovane ragazza dai capelli castani e pelle ambrata... Proprio la ragazza dei suoi sogni. Il taglio degli occhi assomigliava molto a quello mediorientale... Il Mago pagliaccioso non vedeva l'ora di incontrare la ragazza per prelevarle a sua insaputa il DNA... Quella sarebbe stata la razza pura. Pensate inoltre che abbinare un corpo Mediterraneo ad una lingua germanica era una cosa molto ambita. Il Mago Pagliaccioso aveva previsto che in meno di 10 anni sarebbe riuscito a creare una nuova razza...

*Intanto nella stanza del narratore bussano alla porta*

Pepo: "Ehi nonno, non mi dire che ti sei messo a raccontare la storia al posto mio? Non ci posso credere... Tu mi avevi detto che avresti fatto delle fotografie alla vallata ed invece ti trovo qua al mio preziosissimo marchingegno magico a scrivere un storia di mia invenzione?"
Lenzo: "Dai Pepo, non te la prendere sono pur sempre il tuo caro OPA e ti voglio un bene dell'anima. Volevo avvantaggiarti nel lavoro visto che tu sei sparito per molti giorni. Che fine avevi fatto?"
Pepo: "Ero andato ad aiutare un reame che era stato infestato da draghi volanti possessivi ed ultraviolenti. il povero Re mi ha chiesto di indottrinare i suoi fidi soldati nella sacra arte della Briscola."
Lenzo: "E cosa c'entra la Briscola?"
Pepo: "Tu non sai che i Draghi volanti prima di lottare contro di te devono prima perdere contro di te a Briscola... Una volta che hanno perso diventano più feroci ma più vulnerabili al tempo stesso... È una strana storia, un giorno nonno te la racconterò meglio... Perché non facciamo una partita a Briscola? Me ne devo proprio levare la voglia..."
Lenzo: "Ma non c'hai giocato per giorni interi?"
Pepo: "Ma tu credi sempre a tutto quello che ti dico? Attento c'hai uno skulltula su un piede!!"
Lenzo: "Dove?"
Pepo: "Ci sei cascato di nuovo..."
Lenzo: "Ma perché ti prendi sempre gioco di un povero uomo anziano..."
Pepo: "Dai nonno, non sei tanto più anziano di me visto che tutti e due abbiamo ormai i capelli bianchi. Mi avevano detto che le persone dopo che vengono resuscitate sono un po' rimbambite..."
Lenzo: "Pepo, caro nipotino. Non ti ho ancora ringraziato per questa mia resurrezione. quanto tempo mi hai concesso ancora..."
Pepo: "Secondo i miei calcoli... 4-3-2-1... Pace all'anima tua nonno. Era solo un esperimento. Lo sai che non posso far resuscitare una persona e farla vivere più del 15% di quanto è campata nella prima vita... Un po' come i libri in copisteria... non più del 15 %... Sennò i diritti d'autore vanno a farsi benedire..."
Lenzo: "Bastard... Lo sanno tutti che le copisterie... Stampano tutto in maniera fuorilegge... Ed io che mi ero abituato dopo questa bellissima decina d'anni passati a zonzo per Hyrule... Nipote degenere... Del resto con un pad..."
Pepo: "Ops... Sei morto prima che tu dicessi qualcosa di brutto su mio padre. Tu sei il vero degenere, non hai mai apprezzato il tuo unico figlio maschio... Mi fai pena nonno!"

Bene ragazzi, sono stato via un po' di tempo perché ero dalla Strega Syrup per farmi curare il mio legamento malandato. Non vi ho ancora raccontato come è andata la faccenda...
Ero insieme al mio allievo Sahasrahla Jr. in una caverna buia per mostrargli come si accende un fuoco con il pensiero... Dopo aver immaginato la fiamma essa si materializza come da manuale ma qualcosa va storto... La fiamma appare ma non si accende la torcia che avevo in mano bensì la coda di Zleeok ovvero il nipotino di Gleeok... Il piccolo drago si infuria assai ed io non posso far altro che esclamare al mio piccolo allievo decenne... "Ehi piccoletto togliti dai, potrebbe essere pericoloso... Quel drago ha pressappoco la tua età ma è molto più più pestifero di te..." "... Va bene Pepo... Stavolta non ti creerò alcun problema... Non voglio che tu ti faccia male come quella volta che ho istigato un goron a tirarti una pacca dietro la schiena per farti sputare un costoletta di octorok che ti era andata di traverso... Sei stato ingessato per 1 mese..." "Bravo Sah, vedo che stai crescendo... Ora vai sopra quel masso e osserva il tuo maestro all'opera... Ehi piccolo sputafuoco, sto parlando con te... Mammina non ti ha detto che non si sbava sugli sconosciuti... Uhm, cosa potrei farti..." "Pepo, usa contro di lui del ghiaccio... I gleeok odiano il freddo..." "Hai ragione cucciolo... Soffio della caverna polare... azione!! Ma non ha funzionato... È più incaxxato di prima... Oh drago non mi dar spago tu non sai ch'io son mago e perciò lasciaci godere di questo momento di svago... Azione!!!" "Bravo Pepo!!!" Ed il draghetto se ne andò con la coda fra le gambe... "Pepo, ma che formula era... Io non l'ho mai studiata..." "Infatti, me la sono inventata ora sul momento... Ricordati che quello che contraddistingue un Saggio Hyruleo da un comune stregone è l'improvvisazione... Le formule magiche sono sempre infide e bastarde... La vera forza sta nel tuo cuore e non in quello che dici... Cerca sempre di ragionare con i sentimenti e dai senso a quel che fai... Alle volte imparare una formula a memoria serve a poco... Molto poco..." "Ma io non so improvvisare. Pepo, insegnami come si fa..." "È ancora troppo presto... Io ci ho messo tutta una vita per imparare queste cose... E forse non sono ancora molto bravo per insegnartele... Ho sentito un rumore... Forse il nonno del nostro piccolo amico verde si è svegliato..." E da una cavernetta laterale apparve un mostruoso Gleeok a 5 teste...

"Piccoletto, devi abbandonare la caverna... Presto... Scappa!!! Usa il teletrasporto..." "Bene Maestro, Villaggio Kakariko..." "Ehi Vecchio... Sono qua, mi vedi? " "Certo... I miei dieci occhi riescono a scorgere la tua insignificanza... Moscerino... Io ti stritolerò..." "Mom's Fire!!! Azione..." "Cosa vuoi con quella fiammella, io che del fuoco sono il signore..." "Mamma, Zie, Nonno... Invoco il vostro aiuto... Che la Triforza mi assista... Sento già di essere molto più forte di prima... Stretta mortale... Azione!!!" "Ah... Mi hai sottratto le mie amatissime teste... Ma ne ho sempre una... E tu non potrai fermare il vortice delle teste mozzate... Vedo che stai perdendo le tue forze..." "Cannon Drill... Azione... Plus 3"... Dopo un’altra mirabolante mossa del buon vecchio Pepogarross il vecchio Gleeok si addormenta... Questo è il miglior momento per scappare...

Beh ora è meglio ritornare al racconto della storia. È molto tempo che non lo faccio eppure mi sembra quasi ieri.
Vi devo dire subito 2 cose: Il buon vecchio Ubaldus non ce l'ha fatta ed è tornato a csa. La produzione di questo reality-RPG ha deciso di prendere me al posto di Ubaldus per alzare gli ascolti di questa trasmissione. Io non prometto grandi cose ma vi ricordate quello che sono riuscito a fare con Lakitu? Vi prometto che il Tingle RPG doppierà di gran lunga gli ascolti di un'ipotetica 4^ edizione de "L'isola dei Famosi"...

TINGLE RPG
3^Giorno.

L'arrivo di Pepogarross è stato accolto con molta gioia. Pepo è considerato da tutti il più famoso del gruppo.
Margutti: "Ehy, ma du shei PèPo il ragasso del Tingle?"
Pepo: "Come il ragazzo? Io sono solo suo figlio..."
Margutti: "Allora ghe n’hai pur caso la morosa..."
Pepo: "Morosa? Ma ora basta... Io con le donne ho chiuso... Troppi pensieri"
Margutti: "Ben... Molto ben..."
Pepo: "Ah Margù ecché non ce stai mica a provà?"
Margutti: "No ma che dise... Non ghe penso proprio... Io con te..."

*Il Margutti arrossisce e se ne scappa nel bagno*

Ore 01:49
Il Margutti entra nella branda di Pepogarross

Margutti: "Abbracciami forte, ho molta paura dei tuoni..."b
Pepo: "Basta Margutti ora mi ha dato fastidio... Ora ti strizzo i maroni così non mi da..."
Margutti: "Se ci riesci a trovarli visto che io..."
Pepo: "Ehi ma tu sei un mostro ermafrodita e pure fraudolento..."
Margutti: "Ma non hai ancora capito che io sono il/la famosissimo/a Margutti il/la TRASFORMISTA... E ho da dirti una cosa che forse ti piacerà..."

Margutti si spoglia completamente... Dei vestiti e del corpo di cera e peli finti...

Margutti: "Il mio vero sesso è femminile..."
Pepo: "E che femmina... Anche se ti preferivo molto di più come femminiello..."
Margutti: "Pepo, non scherzare... Tu non sei come tuo padre... Lo sa tutto il mondo ormai..."
Pepo: "Mai dire mai... Ma non stasera... AHUUU—AHHU AHUUU!!!!"

Se vuoi vedere di più puoi lasciare i dati della tua carta di credito e noi scaleremo comodamente la modica cifra di 59,99 Rupie dal tuo conto in banca...

Hai selezionato di vedere di più...

Pepo: "Mer... Maledetti preservativi ritardanti... Me l'hanno fatto svenire..."
Margutti: "Dai non ti preoccupare... È tutta la giornata che ti masturbi... Pretendi troppo..."
Pepo: "Ma io sono..."
Margutti: "Sì lo so... Sei un semi-dio... Ma anche gli dei si riposano..."
Pepo: "No, ma io sto malissimo... Mi sento in una maniera che manco proprio io ci ho provato malissimo..."
Margutti: "Ma dai sei sano come un pesce..."
Pepo: "Margutti... Chiama un dottore in Stregoneria..."
Arky: "Basta, la vogliamo piantare di fare baccano!!!"
Pepo: "Ringrazia il fatto di essere a mia immagine e somiglianza... Sennò ti avrei gonfiato di botte!!"
Arky: "Anche se io sono il tuo clone non devi trattarmi così..."
Pepo: "Hai ragione, infatti ora prendo la spranga..."

4^ Giorno
Prova ricompensa - Scopo del gioco: Trovare il castello di Lord Andrew Gordons... Uno dei tanti scagnozzi del Mago Pagliaccioso.

TO BE CONTINUED