- IL DIARIO DI CHERRY GARROSS -

Racconto di Pepogarross

- TWILIGHT PRINCESS: SOLO UN SIMULATORE!! -

Mio padre è proprio un incontentabile, ne combina molte delle sue però stavolta ha proprio toccato il fondo. Si è messo in testa di portare a casa un oggetto strano. Io ne ho viste molte di cose strane ma questa specie di fornetto bianco perla è proprio buffo. Mangia dei dischi grigi e dopo vengono proiettate delle immagini su di uno schermo appositamente collegato. Non capisco dove sia il divertimento di questa cosa... Alla fine lui non sta giocando a qualcosa di innovativo... È tutta una simulazione della vita di un comunissimo ragazzo che deve fronteggiare dei mostri... La cosa più banale è che sia vestito di verde. Tutti gli adolescenti indossano dei capi di colore verde. E mio padre se la ride e si incavola pure quando i fendenti non vanno a segno. Io odio i giochi che simulano la nostra realtà. Alla fine nel gioco si narra di un tempo non troppo facile per le nostre genti. Ce ne sono stati di momenti cupi, però li abbiamo superati... Non vorrei che questo gioco portasse sfortuna ad Hyrule. Non so assolutamente chi abbia permesso la distribuzione di una diavoleria di questo tipo. I ragazzi diventerebbero molto violenti e i bambini farebbero del male a chi gli sta d'intorno. Quello che mi fa più strano e vedere un giovane vecchio bestemmiare di fronte ad uno schermo... Odio mio padre quando fa così. Ma non è ancora tutto. Anche l'amica di Papà si diverte molto a vedere tutte queste immagini inquietanti.

Sono già passati 2 giorni e mio padre continua a perdere tempo di fronte allo schermo. Ondeggia i polsi come se fosse matto. Alle volte emette degli strilli e offende i mostri rappresentati in video. A questo punto ho deciso: voglio proprio capire cosa ha di tanto interessante questa cosa. Non mi rimane altro che giocarci. Posso pure sacrificare un pomeriggio della mia esistenza per capire cosa è che può rendere ancora più pazzo un uomo con dei seri problemi di mente. Ora accendo la console con questo telecomandino. Bene... Mi appaiono un mucchio di quadratini... Eccoci!
The Legend of Zelda – Twilight Princess... Ma quale sarà questa leggenda? Come sono strani questi reali di Hyrule... Se le cantano e se le suonano. Questa noblesse dalla evve moscia mi dà proprio fastidio. Poi vengono pure indagati per le porcherie che combinano con il gioco d'azzardo. Che bella presentazione, non mi ero mai accorta che Hyrule fosse così bella in sul calar della sera. Dovrei andare più spesso a fare delle passeggiate... Mi sono impigrita parecchio dalla scorsa estate. Ecco, A+B... premuti... Meglio creare un nuovo file... Ah devo pure mettere un nome al protagonista. Link, sempre il solito banale. Metà dei ragazzi che conosco e ho conosciuto nella mia vita si chiamavano così.

Mamma mia, ma è tardissimo... Quanto ci sono stata davanti allo schermo? Mi pizzicano gli occhi e mi sento molto stanca... Ho pure le braccia stanche... Eppure mi dovrebbero venire fra 2 settimane. Che stimoli pure il ciclo mestruale? Non credo che questa diavoleria possa influire sul mio corpo anche se la mia mente è gia stata rapita da questa cosa. È la cosa più realistica che abbia mai visto, però ho paura di dormire male stasera. Ho sentito che in un capovillaggio di non mi ricordo dove ha bandito un gioco di carte perché c'erano dei richiami espliciti ai signori oscuri che hanno infestato il nostro belpaese, magari qualcuno bandirà pure questo gioco...

"E sarai tu a farlo".
"Ma chi ha parlato?"
"Sono io che ho parlato, guarda dietro di te".
"Ma vedo solo una lucciola rossa".
"Lucciola rossa... Magari sono una fatina oppure una farfallina luminosa oppure una Dea..."
"Sì una Dea... Ma non scherziamo. Io sono atea e non credo assolutamente che tu sia una dea".
"Ma come ti permetti, figlia degenere... Tuo padre si è spezzato la schiena per istruirti, pulirti, lavarti e farti così bella mentre tua madre non c'era".
"Tu che ne sai di mia madre, manco sai chi è?"
"Diciamo che sei tu a non saperlo, io so tutto e vedo tutto... Vedo pure il potere che tu emani. Vedo la tua forza e il tuo carisma. Vedo molte cose che tuo padre non ha mai avuto".
"Ora inizi pure a parlare di mio padre... Non posso credere di perdere il tempo con una lucciola".
"Hai ragione, questa forma ti è più congeniale?"
"..."
"Così posso pure schiaffeggiarti meglio!!"
"Ahia, eppure ti vedo ancora... Dammi un altro ceffone... Ahia... Ma allora tu sei veramente la Dea Din. Io pensavo che mio padre raccontasse delle balle. Tu sei veramente mia nonna?"
"Sì sono tua nonna. Riguardo a tuo padre... Lui racconta delle balle con uno sfondo veritiero. Sta agli ascoltatori capire quando sta gonfiando le sue storie..."
"Allora scusa nonna se ti ho trattato male e soprattutto se non ho mai pregato per te e le tue sorelle. Io non ho mai sopportato il tradizionalismo della nostra cultura fondata sul culto delle Dee. Io credo che la politica e il senso dello Stato siano una cosa e la religione sia collegata alla fede personale che ognuno porta dentro di sé".
"Può darsi, non pretendiamo che voi abbiate fede in noi. Non pretendiamo che voi siate riconoscenti verso di noi. Non vogliamo neppure che in un futuro ci ricordino. Via abbiamo creato infondendo dentro di voi la possibilità di scegliere quale sarà la via giusta. Siete indipendenti da noi. Non possiamo influire sul vostro libero arbitrio. Alle volte vi puniamo, è vero... Ma non vi comandiamo. Alle volte rimpiangiamo il fatto di non avervi comandato come pupazzi... Ma per quello esistono i videogames... Come si chiama il nuovo simulatore di avventure hyrulee appena uscito?? Ah sì, Twilight Princess. Quello sì che è un concentrato di moralismo e rispetto verso la corona e il nostro bel regno. Sono stati gli stessi Saggi a promuovere un gioco del genere... Però si sono impersonificati in quei buffi spiriti della luce... Che gioco buffo".
"Io però vorrei parlare con mia nonna di cose legate alla nostra famiglia... Non sono una teologa".
"La teologia... Beh qua rimpiango veramente il fatto di non avervi comandato... Ad ogni modo cosa è che vuoi sapere di preciso sulla nostra famiglia?"
"Vorrei sapere chi è mia madre? Papà mi ha detto che è la principessa del Regno dei Funghi. Peach... Mi ha detto poi che lei non mi vuole vedere perché i Toad non le permettono di avere figli..."
"Questa è una balla. Peach ha molti figli ma non sono tuoi fratelli e nemmeno fratellastri. Peach, ahimé non è tua madre".
"Ma allora papà mi ha detto una delle sue tante balle... Ora gliene dico quattro".
"Aspetta, tuo padre non ha colpa... Lui non c'entra. È stato solo un fesso. La storia è abbastanza lunga ma te lo posso riassumere brevemente. Io ho visto tutto:

Durante la sanguinosa guerra tra la Pattuglia Boo e l'armata carnevalesca di tuo nonno Tingle, Pepo ha deciso di abbandonare sua moglie Samus, ovvero la donna che è di là con tuo padre, per andare a combattere a fianco di suo padre. La tribù Goron scese in campo con Pepo il quale fu poi affiancato da Peach, il principe di Persia, Pat Morita, Conker, Popo e qualche divo hollywoodiano. Ad un certo punto quando l'armata carnevalesca ebbe la meglio Pepo e Peach decisero di ritirarsi. Andarono a fare una vacanza al "Villaggio Vacanze Great Bay" di Termina. La gelosissima Samus meditava vendetta. Fu arruolata dai Boo per sconfiggere Pepo. Lo andò a cercare per mari e per monti e poi lo scovò quando stava teneramente abbracciato a Peach. Samus decise di indossare la sua nuovissima tuta. Questo indumento le permetteva di cambiare sembianza a suo piacimento. Per farla breve Samus è riuscita a sostituirsi a Peach prima della grande notte e poi ti ha concepito e ti ha dato alla luce. Tua madre è quella donna lì... Se ci hai fatto caso il latte che ti piace tanto è quasi finito. Lo sai che a tuo padre il Lon Lon non piace..."
"Non credo che tu abbia preso un grande esempio... Magari anche a lei piace il Lon Lon... Anche se io lo metto in una maniera in cui mio padre non lo vede e non si arrabbia... Lui odia pure l'incarto del Lon Lon..." "Anche Samus ha sempre nascosto il latte... Per il tuo solito motivo. Ma tu le assomigli pure nel carattere e nel fisico. Da Pepo fortunatamente non hai preso molto".
"Povero Papà, in fondo mi ha cresciuta lui ed io devo rendergli merito".
"Beh, alla fine dei tre figli che ho avuto da Tingle devo dire che Pepo è il migliore".
"Ho degli Zii?"
"Certo che hai degli Zii. Uno zio e una zia. Della zia non so poi molto perché è entrata in un nuovo universo dove noi dee non possiamo mettere becco. Tuo zio invece è sempre stato pestifero ed ora si guadagnato la fama di essere il personaggio più odiato e temuto di tutta Hyrule".
"Chi sarebbe questo tizio?"
"Lo stregone Agahnim".
"... O porc... Quel tipo pericolosissimo è mio Zio?"
"Purtroppo sì nipotina mia. Ma non ti preoccupare. Sono anni che non si vede più in giro".

Pepo: "Ehi Cherry, ma che fai parli da sola?"
Cherry: "Ma come parlo da sola... Non lo vedi che parlo con..."
Pepo: "Parli con..."
Cherry: "Stavo pregando".
Pepo: "Stavi pregando... Mi sembra giusto... Come? Stai pregando? Ma tu non eri atea?"
Cherry: "Ho chiarito tutto. Loro lasciano che io faccia ciò che mi senta ed io parlo con loro e in particolare con mia nonna".
Pepo: "Hai visto Din? Io non la vedo da anni... Forse perché non credo più in lei".
Cherry: "Fai male perché lei crede ancora in te... E ha detto che tra i 3 figli che ha avuto dal povero Tingle tu sei il migliore".
Pepo: "Ha detto veramente questo? Non me lo aveva mai detto... Beh, questa cosa mi ha proprio preso al cuore..."
Cherry: "Ma non stai mica piangendo?"
Pepo: "No è che mi è andata una bruschetta nell'occhio..."
Cherry: "Ma papà non citare le canzoni di Elio e le storie tese. Lo sto vedendo che hai gli occhi lucidi ed una lacrima ti sta scendendo pian pianino sulla guancia... Beh, Papà c'è una cosa che devi sapere".
Pepo: "Piccola mia, ma il tuo tono della voce è cambiato. Sembra che tu abbia visto un Boo".
Cherry: "Insomma, sono un po' shockata. Nonna mi ha detto una cosa che nemmeno tu sapevi. Io sono un po' sconvolt..."
Pepo: "Ehi ehi... Mamma mia, io non ho mai visto delle persone che svengono a scoppio ritardato..."
Samus: "Pepo, Pepo".
Pepo: "Ah, eri dietro di noi..."
Samus: "Temo di essere stata io a farla svenire. Sono comparsa così dal nulla e lei si è spaventata".

Ero svenuta, la cosa migliore da fare dopo aver visto quel volto di fronte al mio. Ora che sapevo tutto quella donna mi faceva un altro effetto e non sarei riuscita a vederla come una semplice amica di papà... Lei era mia madre. Però Papà ha sempre pensato di aver avuto una figlia con Peach e non con Samus. Non posso credere che lui non si sia mai accorto di niente. Sembra quasi che per Pepo Peach e Samus fossero la stessa persona. Ora però devo svegliarmi...

Pepo: "Cherry, bimba mia. Stai un po' meglio?"
Cherry: "Cof Cof, sì sto un pochino meglio... Mamma?"
Samus: "Sì piccola. Sapevo che prima o poi mi avresti riconosciuta".
Pepo: "Mamma?!? Ma cosa state dicendo. Cherry, mi svieni inspiegabilmente. Chiami Samus "mamma"... Ma voi siete tutti pazzi... Mi sto sentendo male... oimmeii..."

Papà era svenuto... Chissà a cosa starà sognando...

"Pepo, Pepo... Sono Din, tua madre. Mi ascolti? Mi ascolti oppure no?"
"Certo che ti ascolto Mamma, ma dove mi trovo? E perché sento questa musichetta? È tale e quale a quella del mio videogioco quando narrano di qualche cosa di divino appartenente al passato".
"Infatti, io ti racconterò di avvenimenti mitici e mistici al confine con la realtà. Apri bene le orecchie zuccherino mio".
"Ti ascolto mamma".
"Tu credi veramente che fosse Peach quella ragazza che giaceva nel letto della camera 414?"
"Camera 414, come dimenticarla? Il nostro nido d'amore. Certo che ero con Peach... Asp... Ahh che male... Ho un flashback... Ma fa male 'sto flashback..."
"No, quel dolore che senti è solo la botta che hai preso cadendo per terra completamente privo di sensi... Quando ti sveglierai avrai un bernoccolo più grande della luna di Termina..."
"Non è il momento di scherzare Mamma... Mi ricordo che quella sera Peach ordinò del latte... E si lamentò molto quando capì che il latte non era Lon Lon ma bensì proveniente dal bar di Clock Town... Eppure Peach non era una patita del latte. Lei amava il succo di cocomero proveniente dall'isola delfino... che buono quel succo".
"Non è il momento di sbavare figliolo... Allora se Peach ha ordinato il latte vuol dire che Peach non era Peach... Bensì..."
"La donna delle pulizie?"
"No cretino, Peach è stata stordita e rimandata a Toadstool... Samus ha usato la tuta speciale per assumere le sembianze di Peach..."
"Ah ma porc... Ora mi spiego tante cose..."

Continua...